02 marzo, 2013

cuore di pietra


Milano
Cimitero monumentale
maggio 1997

3 commenti:

Scarlett ha detto...

Decenni fa, spesi delle intere domeniche a fare foto ai monumentale. Spesi una fortuna per lo sviluppo delle pellicole ma poi quelle foto non le ho più riguardate. Ero più che altro affascinata dagli abiti e dalle acconciature delle dame, di alcuni adolescenti, dalla bellezza dei visi di alcuni giovani uomini. Certi dettagli e l'arte con cui erano riprodotti li rendevano vivi. Capisco perchè quei facoltosi parenti amassero l'usanza di ritrarre i propri cari sopra di una tomba.

onelulu ha detto...

i molto facoltosi milanesi...

ci sono stato solo un paio di volte e sempre per caso. questa foto non me la ricordavo proprio, ma visto che sto scannerizzando i vari negativi BN che ho, stamattina è spuntata dal nulla (non penso di averla mai stampata), ed e' stato ammmore a prima vista! :-)
mi colpiscono le mani, la postura, l'espressione di attesa e non riesco ben a capire se di noiosa attesa o timore.

scarlett ha detto...

Uno psicologo direbbe che la posizione delle braccia indica abbandono e le mani intrecciate il darsi coraggio lo sguardo coperto dai capelli vaga impreciso. Il soggetto è giovane: Forse una spaesata rassegnazione sarebbe il concetto più appropriato.
Se ti capita, tornaci. L'esercizio è interessante e di certe statue ti innamori.