18 dicembre, 2010

neve e sole sul balcone


Monza
18 dicembre 2010

3 commenti:

scarlettinas ha detto...

Cioè, siamo a metà gennaio e sei ancora in panciolle a smaltire cenoni? Vergogna!!!

scarlettinas ha detto...

Per me un po’ lo è, ma è una lunga storia.

Che bello, tutti insieme a HK!! Vedrai che il pupo sarà bravissimo. Lui è avanti...
Ma dovresti anche trasferirti a Toronto?? E non possono aspettare il tuo rientro? In fondo sono 20 giorni e non 20 anni!!
Io ho passato le feste cercando di metabolizzare alcuni lievi cambi nella mia vita. Non so se ce l’ho fatta. In compenso ho l’ipad e sono tornata a leggere (per via di problemi alla vista non ne posso fare grande uso); per ora The count of Montecristo scaricato gratuitamente (sì in inglese con una traduzione dal francese un po’ strana), ma va bene così, l’importante è essere tornata a leggere con facilità e poi i romanzi di una volta, ormai trascurati, contengono tutti gli elementi di vita e non gli manca nulla rispetto a certe storie odierne. Peccato che romanzi attuali in epub siano ben pochi e perlopiù sconosciuti. Ma devo ancora esplorare il mondo ipad in tutti i suoi meandri.
Allora buon viaggio, attendo il corredo di foto che seguirà.

scarlettinas ha detto...

E che ne so quando parti? Mica ho la copia del tuo biglietto aereo!! Non ho capito se dovrai andare a Toronto “fisicamente” per il lavoro, se sì che bellezza!! Il Canada non deve essere niente male (a parte in inverno).
L’ipad me lo hanno regalato e personalmente lo trovo una figata. In pratica nello spazio di un piccolo block notes hai centinaia di files musicali, libri, la possibilità di connetterti ad internet e alla mail, portare con te le foto a cui più tieni ecc. ecc. L’altro giorno ascoltavo Iggy Pop leggendoThe counto of Montecristo e ogni tanto mi guardavo le foto di Merlino e di Prinz Moro, il tutto dalla mia poltrona per non parlare della mail che stavo aspettando e della soluzione a un quesito del quiz “chi vuol essere milionario” che ero curiosa di sapere da internet prima del concorrente.Normalmente per fare tutte queste cose devi smanettare a destra e a manca. Inoltre poiché le pagine le sfogli come un vero libro non ti sembra di avere a che fare con un “androide”. The world of Suzie Wong. Mi sa che l’ho letto in gioventù, o forse me lo confondo con un film, comunque se esiste in formato epub(dubito, tu magari aiutami a cercarlo visto che sei più tecnologico di me senz’altro) lo scarico di certo.