22 aprile, 2008



Rifugio Casati
Verso la cima del Cevedale
luglio 1996

2 commenti:

scarlettinas ha detto...

Into white
Cat Stevens

I built my house from barley rice
Green pepper walls and water ice
Tables of paper wood, windows of light
And everything emptying into white.

A simple garden, with acres of sky
A brown-haired dogmouse
If one dropped by
Yellow delanie would sleep well at night
With everything emptying into white.

A sad blue eyed drummer rehearses outside
A black spider dancing on top of his eye
Red legged chicken stands ready to strike
And everything emptying into white.

Per me su questa ci azzecca un casino.

onelulu ha detto...

apprezzo i tuoi stimoli sonori.
(avevo 23 anni e avevo passato una notte in bianco per via della quota e del forte mal di testa... poi al mattino il tempo orribile del giorno prima si è trasformato in un paesaggio incredibile... da sentieri nel ghiaccio). ciao